venerdì 14 novembre 2008

Rabbia e Paura


Nove sagome nere di cartone, alte circa due metri, che raffigurano poliziotti in tenuta antisommossa con il manganello impugnato alla rovescia e la scritta in rosso "Diaz", sono stati installate stamani nel sottoportico dell'Accademia Linguistica di Belle Arti nella centrale Piazza De Ferrari. La performance, realizzata al termine dell'ultima udienza del processo per l'irruzione della polizia nella scuola Diaz durante il G8, è opera di alcuni stranieri picchiati nella scuola che si sono costituiti parte civile al processo.

Dopo la sentenza di ieri sui fatti del g8 alla scuola Diaz provo molta rabbia e tristezza ma sopratutto paura per il futuro... non me la sento di dire molto...so solo che l'immagine qui sopra che prima voleva rappresentare una condanna ora rappresenta la realtà che continuerà a essere presente... quelle sagome ora ridono e sono in mezzo a noi...


8 commenti:

SCHIAVI O LIBERI? ha detto...

Sono in mezzo a noi come tutte quelle carogne che hanno contribuito alla carneficina.

Coq Baroque ha detto...

io e' meglio che non dica niente... sarebbe istigazione alla violenza

Luckigno ha detto...

purtoppo la condanna è stata davvero una vergogna...ora bisognerà vedere se ci sarà ricorso oppure no..sta di fatto che per la democrazia è davvero un colpo durissimo!

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

Certe persone la fanno sempre franca. Per il futuro però mantengo ancora un filo di speranza: le cose non possono continuare ad andare peggio di così, prima o poi ci sarà un'inversione di tendenza, anzi ci DEVE essere

il Russo ha detto...

A me sembra invece che dal 2001 in qua si stia sempre più andando verso una ben precisa direzione, altrochè cambio di tendenza...
C'è da aver paura, eccome se c'è da aver paura...

Scarlett ha detto...

Che figura...che vergogna...

l'incarcerato ha detto...

La tua rabbia è la mia, io quei giorni c'ero e non puoi capire quanto mi ha sconfortato e quasi spezzato questa sentenza.

LaFra ha detto...

io ti ho già detto quello che penso....non so che dire, solo che ho paura per quello che sta succedendo..